Sagra del Pasticciotto Leccese 2019

L'Evento, Cosa è il Pasticciotto, La Storia, Il Programma, Info utili, Come raggiungere Surano.

Giunge alla dodicesima edizione la festa dedicata al Re dei dolci salentini: il Pasticciotto Leccese, che viene sfornato a Surano dai milgiori pasticceri salentini e distribuito all'occasione gratuitamente.

Sagra del Pasticciotto Leccese - Il classico Pasticciotto

L'Evento

Come ogni anno, l'Amministrazione comunale di Surano organizza per le date del 28 e 29 luglio 2019 la dodicesima edizione della Sagra del Pasticciotto Leccese.
Questo evento, che si terrà a Surano, un piccolissomo paese nell'entroterra salentino che ogni anno, riscuote un successo sempre crescente attirando un pubblico di turisti da ogni parte del mondo ed i salentini che si riversano per le stradine del centro storico della cittadina salentina di Surano.

Alcuni pasticceri salentini produrranno per le vie del centro i Pasticciotti Leccesi, in stand dove chiunque può vedere come vengono realizzati. Questi pasticciotti poi verranno distribuiti gratuitamente.

Si potranno, inoltre, degustare per le vie del piccolo centro storico di Surano, le pietanze della tradizione locale ed i prodotti di qualità realizzati dalle numerose aziende agricole del territorio salentino quali formaggi, salumi, grappe, conserve di ogni tipo, friselle, vini e i prodotti dell'area mediterranea.

Inoltre, ci saranno i Pasticciotti per celiaci, vegani e intolleranti al lattosio.

La comunità locale immigrata del Marocco farà degustare anche i prodotti tipici del proprio paese di origine.

La sagra del Pasticciotto leccese organizzata dall'Amministrazione di Surano, permette a tutti, turisti e salentini di trascorrere una serata in pieno relax nella piccola e suggestiva piazza di Surano. La serata sarà movimentata dal concerto di musica popolare.

Cos'è il pasticciotto leccese

Il Pasticciotto Leccese è un dolce tipico della zona del Salento in Puglia, composto da pasta frolla farcita di crema pasticcera e cotto in forno.

La nascita del Pasticciotto risale almeno all'inizio del Settecento, nella città salentina di Galatina, e da allora ad oggi sono state proposte tante varianti a questo dolce che ha contribuito a rendere famosa la tipica cucina salentina.

Spennellato di albume d'uovo prima della cottura in forno, il pasticciotto raggiunge la sua tipica doratura ambrata e lucida.

Va consumato ancora caldo per rendere al palato tutte le migliori peculiarità del suo sapore: il profumo della crema e la consistenza della pasta frolla appena sfornata. La tradizionalità del prodotto è assicurata dalla provenienza locale delle materie prime e dal metodo di produzione che avviene secondo tradizioni familiari che ne conservano tutte le caratteristiche qualitative.

È tipica abitudine dei salentini consumare questo dolce appena sfornato e ancora caldo durante le prime ore della giornata per la prima colazione.

Oltre ad essere preparato nella sua classica forma di un piccolo tortino ovale, esiste anche nella forma di una torta rotonda, la Torta Pasticciotto. Di questa torta esiste anche una variante napoletana, il pasticciotto napoletano nel ripieno è presente anche l'amarena oltre alla classica crema.

Inoltre vi sono diverse varianti di pasticciotto leccese: profumato all'arancia, con marmellata di amarene, con crema al cioccolato, al pistacchio, il pasticciotto nero di pasta folla al cacao con all'interno crema gianduia, crema al cioccolato o crema pasticcera.

Derivato del pasticciotto invece è il Fruttone, composto da una base di pasta frolla ripiena di pasta di mandorle fresca e marmellata (di mele cotogne nella versione classica) e il tutto ricoperto da uno strato di cioccolato fondente.

A differenza del Pasticciotto, il Fruttone va servito freddo. Anche del Fruttone esiste la versione a torta.

La storia del Pasticciotto leccese

La prima fonte documentale che testimonia dell'esistenza del Pasticciotto, risale al 1707: come si scopre nell'archivio della Curia Vescovile di Nardò, nell'inventario redatto il 27 luglio 1707 in occasione della morte del vescovo Orazio Fortunato, tra le altre masserizie compaiono: «barchiglie di rame da far pasticciotto numero otto».

Alcuni studi hanno messo in relazione il Pasticciotto con almeno due suoi progenitori lontani e distinti tra loro, il primo individuato in una ricetta antica (1570) di Bartolomeo Scappi e il secondo, ripercorrendo a ritroso la storia del bocconotto meridionale, nella varchiglia cosentina, antenata anche del fruttone leccese.

Una leggenda popolare collocherebbe la nascita del Pasticciotto nel 1745 a Galatina nella bottega pasticciera della famiglia Ascalone durante le festività di San Paolo. Secondo questa versione, Nicola Ascalone si sarebbe ritrovato un impasto e un po' di crema non sufficienti per cuocere un'altra torta e li utilizzò ponendoli in forno in un piccolo recipiente di rame ricavandone una piccolissima torta di crema che lui stesso definì un pasticcio. Regalò quindi il dolce ancora caldo a un passante che ne volle qualcuno da portare in famiglia. Il successo fu immediato e la voce si sparse in provincia. Sarebbe nato così il "pasticciotto de L'Ascalone" che divenne da quel giorno un dolce tipico del Salento.

Il Pasticciotto è stato riconosciuto dalla città di Lecce come dolce tipico leccese ed è presente nell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali redatto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (ai sensi dell'art. 8 del D.Lgs. 30 aprile 1998, n. 173).

Programma per la Festa del Pasticciotto Leccese a Surano

Il programma della 12° edizione della festa del Pasticciotto prevede la distribuzione gratuita di pasticciotti realizzazi in loco al momento e l'intrattenimento con musiche e danze popolari.

Domenica 28 e Lunedì 29 Luglio dalle ore 21.00 – Via Roma.

Informazioni utili

Date e programma: Domenica 28 e Lunedì 29 Luglio dalle ore 21.00
Maggiori informazioni sul sito ufficiale Comune di Surano. Oppure sulla Pagina Facebook

Raggiungere Surano

Indirizzo: Via Roma - 73030 Surano (LE)
Coordinate: 40.027446, 18.344191. (Clicca sulle coordinate per aprire la Google Maps)

Distanze: Lecce (43 km) - Leuca (31) - Otranto (30 km) Brindisi (84 km) - Taranto (152 km)

Si consiglia di parcheggiare l'auto appena entrati nel paese di Surano e strade limitrofe. Si sconsiglia di parcheggiare nel centro del paese a ridosso della festa.

Servizi a Surano

Di seguito Pirati nel Salento vi suggerisce, propone e consiglia alcuni servizi, promozioni e strutture come b&b, casevacanze e aziende operanti nel settore del turismo nella zona di Surano.

Collaborazioni

Se siete proprietari di una struttura come b&b, Casevacanze, o avete un'attività inerente ai servizi turistici quali ristoranti, organizzazione di itinerari turistici e siete presenti nella città di Surano oppure promuovete eventi in questa città e volete pubblicizzare la vostra attività in questa pagina potete contattateci cliccando qui oppure scrivendoci alla nostra e-mail: piratinelsalento@gmail.com.
Fonte: parte del testo è di Wikipedia.